Barreda makes it two, but “Peter” makes it sixty!

da | Gen 6, 2013 | Enduro, News

Barreda makes it two, but “Peter” makes it sixty!

Today’s loop around Pisco saw Joan Barreda win the stage and the usual supporting cast of the Dakar step up to the plate and take the top honours, together with talented rookies like Matt Fish and Kurt Caselli. In the car category, Sainz and Al-Attiyah’s navigational problems were a blessing for the most experienced of the Dakar champions: Peterhansel, who took his 60th special, and Giniel de Villiers, who climbed to second in the general classification.
One of the things that make rally raids special are those little mistakes which can turn the race on its head every day. Specials which seem harmless on paper can sometimes yield surprises.
Today, a small collective navigational mistake by those at the front of the race gave those at the back the opportunity to shine. Following yesterday’s winner in Pisco, “Chaleco”, Cyril Despres succumbed to the temptation and took a detour around a huge dune at km 75. But it was more difficult than expected for the defending champion to get back on track. In the meanwhile, industrious Joan Barreda never strayed from the course. His handling abilities hadn’t gone unnoticed in the two previous editions of the Dakar. The Catalan showed it wasn’t a fluke by riding his Husqvarna to the second stage win of his career, made even sweeter by the third place of his helper Matt Fish, who romped onto the stage in the Dakar. Joan Pedrero, another Catalan who’s more used to riding in the shadow of his leader Marc Coma, also seized the opportunity to finish second. Cyril Despres’ mishaps cost him over eight minutes with regard to the new general classification leader. His teammate Ruben Faria lies second in the overall ranking, 5’36″ down on Barreda. Today was the helpers’ day!
In the quad category, on the other hand, Marcos Patronelli showed who’s the “Boss”. After Peru’s Ignacio Flores stole the show yesterday, Patronelli became reacquainted with victory and with his traditional rivals Ignacio Casale and Tomás Maffei, who finished third and fourth. He should also keep an eye on Sebastian Husseini, who was the runner-up for the second day in a row.
They all faced the same course, but not all of the leading lights of the car category ran into trouble in the same places. Not even those at the top of the ranking lucked out. Not even Carlos Sainz, the ephemeral leader of the 2013 Dakar… until km 50. The Spaniard and his co-driver were the first victims when they misread the road book and started “driving in circles” through the Peruvian desert. Nasser Al-Attiyah and later Nani Roma had the same problem. Guerlain Chicherit didn’t make any mistakes, but his first mechanical issues at the wheel of his SMG buggy cost him half an hour. Nevertheless, his team has good reason to be proud today, as Ronan Chabot drove an identical car to third place. A remarkable improvement for the French rider, who finished 12th in 2012 and was only beaten by two former Dakar winners. Giniel de Villiers and his Toyota finished second, ready to pounce on… Stéphane Peterhansel. The X-Raid Team leader drove confidently throughout the loop stage and grabbed his 60th special in the Dakar, as well as taking control of the general classification with a 2’38″ lead on the South African, whom he’d marked as his main rival. Everything’s going to plan.
Gerard de Rooy is on fire. With a second straight stage win, the defending champion continues to bolster his position with a few minutes every day… for now. The stage was like the curate’s egg for the Iveco team, as their leader’s win was balanced by Hans Stacey’s mishaps. He made a mistake and tipped his truck over after posting the best intermediate time. Aleš Loprais remains on the prowl behind De Rooy, with Miki Biasion and his Iveco on the bottom step of the provisional podium. The first Kamaz, with Eduard Nikolaev at the wheel, is already 20 minutes down.

ASO DAKAR NEWS
Edo Bauer

Traduzione in Italiano (By Google)

Barreda rende due, ma “Pietro” fa 60!

Anello di oggi intorno a Pisco visto Joan Barreda vincere la tappa e il cast al solito supporto della Dakar passo fino alla piastra e prendere gli onori migliori, insieme a esordienti di talento come pesce Matt e Kurt Caselli. Nella categoria auto, Sainz e Al-Attiyah i problemi di navigazione sono stati una benedizione per i più esperti del campioni Dakar: Peterhansel, che ha preso il suo speciale di 60 anni, e Giniel de Villiers, che è salito al secondo posto nella classifica generale.
Una delle cose che rendono speciale raduno raid sono quei piccoli errori che possono trasformare la gara in testa ogni giorno. Offerte che sembrano innocui sulla carta a volte può dare sorprese.
Oggi, un piccolo errore di navigazione collettiva da quelle sul davanti della corsa diede quelle sul retro la possibilità di brillare. Dopo vincitore di ieri a Pisco, “Chaleco”, Cyril Despres ceduto alla tentazione e ha preso una deviazione intorno a una duna enorme al km 75. Ma era più difficile del previsto per il campione in carica per tornare in pista. Nel frattempo, non operosa Joan Barreda allontanato dal corso. Le sue capacità di gestione non era passato inosservato nelle due precedenti edizioni della Dakar. Il catalano ha dimostrato che non era un colpo di fortuna guidando la sua Husqvarna per la vittoria seconda fase della sua carriera, reso ancora più dolce dal terzo posto del suo aiutante Pesce Matt, che ho salutato sul palco alla Dakar. Joan Pedrero, un altro catalano che è più abituati a correre all’ombra del suo leader Marc Coma, anche colto l’occasione per arrivare secondo. Cyril Despres ’contrattempi gli è costato più di otto minuti per quanto riguarda il nuovo leader classifica generale. Il suo compagno di squadra Ruben Faria è secondo in classifica generale, 5’36 “in basso a Barreda. Oggi era il giorno di chi aiuta”!
Nella categoria quad, invece, Marcos Patronelli ha mostrato che il “Boss”. Dopo Perù Ignacio Flores ha rubato la scena di ieri, Patronelli si riprendere contatto con la vittoria e con i suoi rivali tradizionali Ignacio Casale e Tomás Maffei, che ha concluso al terzo e quarto. Egli deve anche tenere d’occhio Sebastian Husseini, che è stato il runner-up per il secondo giorno di fila.
Tutti di fronte lo stesso corso, ma non tutti i protagonisti della categoria auto ha avuto problemi negli stessi luoghi. Nemmeno quelli al vertice della classifica un colpo. Nemmeno Carlos Sainz, leader effimero della Dakar 2013 … fino al km 50. Lo spagnolo e il suo co-pilota sono stati le prime vittime quando hanno letto male il road book e ha iniziato a “guidare in tondo” attraverso il deserto peruviano. Nasser Al-Attiyah e poi Nani Roma ha avuto lo stesso problema. Guerlain Chicherit non ha commesso errori, ma i suoi primi numeri meccanici al volante della sua buggy SMG gli è costato mezz’ora. Tuttavia, la sua squadra ha buone ragioni per essere orgogliosi oggi, come Ronan Chabot ha guidato una vettura identica al terzo posto. Un miglioramento notevole per il pilota francese, che ha concluso al 12 ° nel 2012 ed è stato battuto solo da due ex vincitori Dakar. Giniel de Villiers e il suo Toyota arrivato secondo, pronto a balzare sulla … Stéphane Peterhansel. La X-Raid Team leader ha guidato con fiducia durante tutta la fase del ciclo e afferrato il suo speciale 60 in Dakar, così come prendere il controllo della classifica generale con 2’38 “di vantaggio sul Sud Africa, che aveva contrassegnato come il suo principale Tutto rivale. sta andando piano.
Gerard de Rooy è in fiamme. Con una vittoria secondo stadio rettilineo, il campione in carica continua a rafforzare la sua posizione con pochi minuti al giorno … per ora. Il palco era come un uovo del curato per la squadra Iveco, come vittoria del loro leader è stato bilanciato da incidenti Hans Stacey. Ha fatto un errore e si tolse il camion in dopo la pubblicazione il miglior intertempo. Aleš Loprais rimane in agguato alle spalle di De Rooy, con Miki Biasion e il suo Iveco sull’ultimo gradino del podio provvisorio. Il primo Kamaz, con Eduard Nikolaev al volante, è già a 20 minuti.

Video in evidenza

Vai alla Tv Enduro

Sponsor

Eventi in evidenza

Non ci sono eventi in programma

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Partner

RecentiGli Ultimi Articoli

Pin It on Pinterest

Condividi