Cavalcata del Sole

da | Mag 5, 2014 | Enduro, News

Cavalcata del Sole

La Cavalcata del Sole festeggia i suoi primi dieci anni. In 180 al grande party del Fuoristrada a San Teodoro.

La Principessa Camelia Liparotti, Sir Alessandro Botturi e Scudiero Manuel Lucchese aprono le danze di una due giorni di fuoristrada dell’entusiasmo. “Frecciata”, divertente, a volte non facile, esilarante, affollata, “g-astronomica”, apprezzata. Grande Sardegna, come sempre. 

A volte il successo è nella cura dei dettagli. E nella fantasia. Così si fa, partendo da una formula di base indovinata, fortunata, e “allegando” un’attenzione continua al suo sviluppo, alla sua diversificazione, lasciando un evento completo in una situazione di perenne Work in Progress. Così ogni volta è un evento che pare di conoscere, ma che è sempre nuovo, e un qualcosa di più.

La decima edizione della Cavalcata del Sole ha premiato ancora una volta l’impegno di Bike Village, restituendo al suo Presidente, Gianpaolo Granara, e ai suoi fiondatori Antonello Chiara e Granrenzo Bazzu la sensazione che il pubblico degli aficionados ama questa manifestazione proprio per la sua grande varietà di idee. È chiaro sin dall’inizio, dallo scenario e dal percorso. Minaccia di piovere, ma poi c’è “maggioranza” di sole, c’è asfalto per raggiungere il centro di gravità della manifestazione, ma poi è soprattutto grande Fuoristrada. “Willi”, il tracciatore della Cavalcata, ma anche del “Legend” e soprattutto del Sardegna Rally Race, ancora una volta non si risparmia. Per mesi è andato alla ricerca di quelle varianti di percorso che rendessero almeno in buona parte inedita la decima edizione della… non-gara. Come sempre ci è riuscito alla grande. Un largo anello ad Ovest di San Teodoro, oltre Buddusò e Alà dei Sardi, ed un secondo verso Sud, davvero suggestivo con un cocktail concentrato di mare e montagna, lungo la dorsale ideale della SS125 fin quasi ad Orosei. Terreni “grassi”, impegnati dall’umidità delle recenti piogge, ma perfetti il giorno del passaggio, e scenari, noblesse oblige, sempre da capogiro. Non meno apprezzati i due Punti di Ristoro, nello scenario edonistico di Tandalò il primo giorno, e in quello più prettamente… agonistico della pista di Berchida. Pausa totale nel primo caso, combattuto test del crossdromo nel secondo, e in entrambi quell’atmosfera che l’intermezzo della Cavalcata del Sole, un Pit tradizionale e ormai obbligatorio, riesce immancabilmente a ricreare e a riproporre in forma smagliante. E atmosfera totalmente nuova al termine della prima tappa, con un “frizzante” “apero-cena” offerto da Bollicine e da San Teodoro che ha rischiato di diventare un… Happy Night. Fantastico.

Moto e appassionati da tutte le parti. I fedelissimi, quelli che non si perdono un’edizione da dieci anni, e quelli che hanno raccolto il messaggio arrivato lontano, fino in Francia e Inghilterra, ed hanno risposto aderendo con entusiasmo. E moto di tutti i tipi. In maggioranza le “classiche” Enduro, ma le “sfide” delle Bicilindriche e delle “Epoca” si fanno costantemente, ogni anno che passa, più caratteristiche e agguerrite. È bello vedere con che cura e che amore i partecipanti hanno cura delle loto “creature”, è l’espressione di una passione smisurata “scritta” nel dettaglio tecnico, nella colorazione e nella grafica, nell’allestimento sempre impeccabile della “cavalcatura” da… Cavalcata del Sole.

È fantastico notare quanto una manifestazione pensata, organizzata e realizzata per gli Amatori, sia permeata di sano agonismo. L’idea di base è sempre andare piano, prendersela comoda e ammirare il paesaggio. Ma come è facile farsi prendere la mano! La verità è che i partecipanti “viaggiano” quasi sempre in piccoli gruppi, e le sfide interne finiscono per prendere il sopravvento sulla “teoria” e, soprattutto, ad essere “pericolosamente” contagiose. È bagarre!.

Come ogni anno c’è anche la piccola lotteria “sportiva” del solito gruppo di idio…, scusate ignoti, che si divertono a cambiare direzione alle frecce del percorso mandando nel pallone i partecipanti. Valli a capire, si divertono così, per tutti i due giorni, non mollano. Sono fortissimi, ma quest’anno dovrebbero aver annusato l’odore dell’inutilità e della sconfitta. Non ostante, infatti, in certi passaggi i segnali fossero stati cambiati anche quattro volte in rapida successione (Willi diventava matto a rimettere le frecce) hanno stravinto i partecipanti, che hanno fatto qualche chilometro in più rispetto agli oltre 400 in programma, ma che non si sono mai persi d’animo e ormai sanno come riconoscere le piste della Cavalcata del Sole.

Anche in questo caso il Gruppo conta molto. Quest’anno due in particolare, i giganti del Club Super Ténéré e le Biellette Roventi, autentici spartiacque della filosofia dell’andare in moto per passione che continuano a fare tendenza. Sulle mulattiere, nella vegetazione fitta, sulle pietraie “calvario” e sugli sterrati veloci, ma anche in giro per San Teodoro, al paddock di Cala d’Ambra, soprattutto a tavola, imbattibili. Il Gruppo si allarga, recluta spontaneamente, promuove lo spirito, diventa compatto e omogeneo, si diverte e fa divertire. E il Gruppo finisce per “assorbire” nell’entusiasmo generale anche i Campioni della Cavalcata, Manuel, il “Bottu”, Camelia. Ma, in fin dei conti, i Campioni non sono i Big, sono tutti quanti. La Cavalcata del Sole è sempre una vittoria, per tutti quelli che vi partecipano!

Grazie Mille a tutti i 180!

Piero Batini

Sardegna Rally Race Press

Video in evidenza

Vai alla Tv Enduro

Sponsor

Eventi in evidenza

Non ci sono eventi in programma

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Partner

RecentiGli Ultimi Articoli

Pin It on Pinterest

Condividi