FIM, ASO, SQUADRE E PRODUTTORI

da | Mar 13, 2021 | Motorally, News

FIM, ASO, SQUADRE E PRODUTTORI

FIM, ASO, squadre e produttori hanno tenuto una riunione sulla sicurezza
Campionato mondiale e coppa del mondo FIM Cross-Country Rallies

Martedì 9 marzo ha segnato un importante incontro video tra rappresentanti di FIM, ASO, team e produttori per quanto riguarda le questioni tecniche e di sicurezza, seguito da un incontro simile tenutosi a Lisbona lo scorso marzo.

Le seguenti persone hanno partecipato virtualmente:

FIM: Jorge Viegas – Presidente FIM; Jean-Paul Gombeaud – Direttore sportivo; Jean-François Wulveryck – Direttore CRT; Gregory Ricci – Coordinatore CRT; Dominique Hebrard – Direttore tecnico CTI; Mathieu Piccand e Miguel Sanchez – Coordinatori CTI.

ASO: David Castera – Direttore Dakar e Thierry Viardot – Tecnico Dakar.

Produttori e squadre: Jordi Viladoms – KTM; Pierre-Alexandre “Pela” Renet – HVA; Alexandre Kowalski e Marc Bourgeois – Yamaha; David Casteu – Sherco; Wolfgang Fischer – Hero; Ruben Faria e Hélder Rodrigues – HRC Honda; e Henk Hellegers – HT Rally Raid.

I principali argomenti di discussione sono stati incentrati sul miglioramento della sicurezza nei rally FIM Cross-Country, che hanno portato alle seguenti decisioni:

• Pneumatici: il numero di pneumatici posteriori sarà limitato a uno per giorno di gara ad eccezione delle fasi della marathon in cui è vietato il cambio gomme. Le squadre iscritte al RallyGP devono annunciare la marca e il modello del pneumatico al momento della registrazione.

• Giacche airbag, giubbotti airbag: sono stati testati nel 2020 e questo processo ha prodotto buoni risultati. La FIM continuerà a lavorare su questa linea per salvaguardare l’incolumità questa disciplina.

• Roadbook: Ia scrittura del road book verrà ri-studiata per tornare all’uso delle icone tradizionali, in particolare nella segnalazione di pericolo.

• Avvisi acustici: l’implementazione di avvisi acustici per l’annuncio dei livelli di pericolo 2 e 3 è stata positiva, e quindi questa applicazione sistematica continuerà. Il raggio di avvertimento dovrebbe essere aumentato da 200 a 300 metri dalle posizioni di pericolo in modo che i motociclisti possano anticipare la frenata ad alta velocità.

  • Motore: per la categoria RallyGP, i motori saranno sigillati. Un sigillo sulla parte superiore del motore e un sigillo sulla parte inferiore del motore verranno posizionati durante le verifiche preliminari. Durante i rally di 5 giorni di gara non sarà consentito il cambio dei pistoni o delle parti interne della parte superiore del motore. Durante i Marathon Rallies, la parte superiore del motore può essere aperta solo una volta per eseguire le riparazioni. Se aperto per una seconda volta per i rally Marathon o per la prima volta per i rally di 5 giorni, verrà applicata una penalità di 10 minuti.

• Capacità del serbatoio del carburante: la capacità totale del carburante che è consentito trasportare in tutti i serbatoi rimane al massimo di 35 litri e la distanza richiesta rimane a 250 km, tuttavia sulle tappe veloci e sabbiose, l’organizzatore deve ridurre questa distanza a 220 km.

• Tempo di rifornimento: il tempo assegnato per il rifornimento verrà aumentato da 15 minuti a 20 minuti, in modo da dare un tempo di riposo e consentire il cambio delle cartucce dei giubbotti Airbag (più rifornimento, rifornimento d’acqua, calibrazione roadbook ecc …) ma nessun lavoro sulla bici è consentito.

• Limitazione della velocità massima: nel 2023 la velocità sarà limitata a 150 Km/h. La FIM lavorerà con i produttori per limitare elettronicamente (GPS) la velocità massima nel RallyGP a 150 km/h nel 2022 (con un avviso acustico a 145 km/h).

• Limitazione degli schermi digitali sulla torre o sul manubrio: solo gli schermi digitali forniti dall’organizzazione (GPS, TRIP, Roadbook ecc…) potranno essere montati sulle motociclette RallyGP.

• Miglioramento degli standard sui caschi: la FIM ha già migliorato gli standard sui caschi per i campionati di su circuito (FRHPhe-01) ed entro la fine del 2021 la FIM mira a pubblicare le specifiche dello standard per i caschi fuoristrada. La seconda fase del programma FHRP (FIM Homologation Racing Program) per i caschi da competizione dovrebbe entrare in vigore entro pochi anni (obiettivo FRHPhe-02: 2025). In attesa che lo standard FIM diventi obbligatorio, lo standard europeo ECE per i caschi si sta evolvendo verso la versione 22.06. L’attuale standard 22.05 è valido fino al 2023 al più tardi.

Dopo l’incontro Jorge Viegas – Presidente della FIM ha dichiarato: “Vorrei ringraziare tutti i partecipanti per questo proficuo incontro. Nonostante la stagione 2020 sia stata accorciata sul campo a causa della pandemia, siamo stati comunque in grado di continuare a lavorare su regolamenti, attrezzature e soluzioni volte a ridurre il numero e la gravità degli incidenti nei rally. Siamo ansiosi di testare gli aggiustamenti all’inizio di questa entusiasmante stagione, poiché tutte le persone coinvolte non vedono l’ora di tornare alla competizione “.

Video in evidenza

Vai alla Tv Enduro

Sponsor

Eventi in evidenza

Non ci sono eventi in programma

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Partner

RecentiGli Ultimi Articoli

Pin It on Pinterest

Condividi