TRANSANATOLIA 2015

da | Ago 18, 2015 | Motorally, News

TRANSANATOLIA 2015

TRANSANATOLIA 2015, 4 GIORNI AL VIA PAOLO CECI – VINCITORE 2013 – ANALIZZA L’EDIZIONE 2015, STRATEGIE, PERCORSO, INCOGNITE…

Istanbul – 18 agosto 2015 – Ormai mancano solo 4 giorni all’inizio della sesta edizione del Transanatolia Rally. Quattro giorni in cui fervono i preparativi, per tutti. I mezzi sono già in viaggio, in nave, partiti dall’Italia e diretti in Grecia, per poi salire in Turchia, via strada. I road book sono in fase di stampa ma già l’apripista che precede di una settimana la gara sta ultimando la ricognizione, giorno per giorno, tappa dopo tappa. L’organizzazione addirittura ha preparato dei pacchi da portare ai bambini, nei villaggi che verranno attraversati la prossima settimana: la scuola anche in Turchia comincia a settembre e per tutti i bambini delle elementari ci sono quaderni, penne, matite, di tutto un po’.

Per ricordarsi del Transanatolia anche quando sarà già passato sulle strade davanti a casa loro, per sognare quelle moto e le auto sui banchi di scuola. I piloti si stanno allenando, anche in questi ultimi giorni; i bagagli già in viaggio, sui camion dell’assistenza, e loro scenderanno in aereo, già da giovedì. Fra loro quest’anno si schiera anche Paolo Ceci, vincitore nel 2013 della quarta edizione del rally. Pilota ben noto nel mondo dei rally raid, il modenese lo scorso anno accettò di non correre e di lavorare per l’organizzazione.

Tracciò il road book e poi apriì la pista, ogni mattina controllando che tutto fosse in ordine, pronto per gli amici avversari che lo avrebbero seguito di lì a poco. Quest’anno Paolo Ceci torna in gara – per la seconda volta sul Transanatolia – ed è sicuramente uno dei piloti più forti al via: “Sono contento di tornare a correre in gara – spiega Paolo. – Burak Buyukpinar, uno degli organizzatori, dopo la Dakar 2015, che era andata molto bene per me (14° assoluto al traguardo) ha insistito perchè io tornassi in Turchia da pilota e alla fine ho detto sì, in fondo per me è importante, come allenamento, in vista della prossima Dakar 2016”.

E a questo proposito parliamo proprio della preparazione per la gara più importante dell’anno: “Farò questo Transanatolia appunto e poi continuerò la preparazione in Marocco, in uno stage che stiamo approntando con Jordi Arcarons”. Torna da pilota dunque, Paolo Ceci ma un po’ gli dispiace: “Mi era piaciuto molto il ruolo di tracciatore però sono contento di misurarmi in gara. Tra l’altro ho dato un’occhiata al percorso e mi sembra che sia duro e difficile. E’ una grande incognita perchè tranne la prima tappa che sembra molto simile a quella del 2014, sembra che il resto sia tutto nuovo. Può darsi che ci siano altri punti simili al tracciato dell’anno scorso ma a livello di terreno non so davvero cosa aspettarmi”.

In team con Paolo ci sono anche Alberto Bertoldi, che già si era aggregato alla squadra nel 2014 e Stefano Fasani che si appoggia a Ceci per l’assistenza. Aspettative ? “Bè si spera sempre di fare un ottimo risultato, sicuramente guardiamo al podio. La gara però è lunga e so cosa vuole dire…bisogna partire con il piede giusto e per farlo bisogna saperne di più sulla navigazione”.

Già la navigazione, punto cruciale di questa 6. edizione, e proprio da questa dipenderà la strategia di gara: “Attaccare all’inizio potrebbe esser giusto ma tutto dipenderà dalla navigazione: se ce n’è tanta all’inizio allora partirò forte per cercare di guadagnare margine sugli inseguitori”.

www.transanatolia.com

Video in evidenza

Vai alla Tv Enduro

Sponsor

Eventi in evidenza

Newsletter

Iscriviti alla newsletter

Partner

RecentiGli Ultimi Articoli

Pin It on Pinterest

Condividi